Nel linguaggio comune si usano frequentemente questi termini per definire diverse tipologie di elaborati grafici e molto spesso si tende a confondersi usando termini non appropriati. Che differenze ci sono dunque tra Flyer, Depliant, Brochure e Catalogo?


Flyer o volantino

Il volantino è una pubblicazione cartacea stampata su di una o entrambe le facciate. Si usa per informare in maniera veloce ed incisiva il possibile fruitore. Viene usato per promuovere degli eventi, delle attività commerciali, per pubblicizzare nuovi prodotti e servizi, per promozioni di varia natura etc. Può assumere vari formati ma generalmente si preferiscono i formati tascabili per fare in modo che il fruitore possa ritirarlo e leggerselo con calma. Viene distribuito generalmente su luoghi pubblici ben frequentati dalle persone destinatarie del messaggio: bar, palestre, centri benessere e luoghi di incontro in genere. Graficamente dev’essere impostato in modo che il messaggio sia molto chiaro e persuasivo evitando inutili fronzoli. Deve contenere quella che in gergo viene chiamata “Call To Action”, ossia la chiamata all’azione; un riquadro o comunque un elemento grafico che spicchi su tutto il resto per incentivare una reazione al messaggio. Una call to action può essere ad esempio: chiamaci per un preventivo o per una consulenza, oppure visita il nostro sito web etc.

Dépliant o pieghevole

Il pieghevole, chiamato anche col termine francese dépliant è un piccolo foglio stampato e piegato che si distribuisce a scopo pubblicitario, promozionale, informativo etc. Lo scopo del depliant è di fatto molto simile a quello del volantino ma strutturalmente è un pò più complesso e ricco di informazioni. Viene usato per promuovere e pubblicizzare eventi, attività commerciali in modo più esauriente rispetto al semplice volantino o flyer. Viene anch’esso distribuito su locali pubblici ma spesso viene anche usato dal reparto commerciale di un’azienda per presentare in modo più approfondito l’attività. Deve assumere, graficamente, un forte carattere emozionale e non dovrebbe contenere informazioni troppo tecniche. E’ una sorta di estensione del biglietto da visita.

Brochure o opusculo

Un opuscolo o brochure (termine importato dalla lingua francese) è uno stampato composto da un numero limitato di pagine (8/16). Generalmente è destinato alla presentazione di un’attività commerciale o a dare informazioni di carattere generale e pratico. Assume l’aspetto di un piccolo catalogo, rilegato solitamente con punto metallico (graffe). Raramente viene distribuito in locali pubblici visto i costi per la realizzazione grafica, servizio fotografico, redazione dei testi e stampa. Solitamente viene usato dai commerciali o i rappresentanti per illustrare l’azienda e lasciarlo al cliente alla fine di un colloquio conoscitivo. Non essendo un vero catalogo prodotti ed essendo composto da poche pagine si tende ad impostarlo graficamente in modo da trasmettere un messaggio emozionale che veicoli i valori dell’azienda e il suo plus valore. Informazioni tecniche e informazioni più dettagliate generalmente vengono omesse in questa tipologia di comunicazione.

Catalogo

Il catalogo rappresenta il massimo in termini di quantità di informazioni che un’azienda può offrire al proprio cliente. Generalmente è suddiviso in una prima parte di presentazione dell’azienda e da una seconda costituita dai prodotti/servizi che la stessa fornisce. Spesso i prodotti sono corredati da una scheda tecnica specifica e talvolta anche dal prezzo. Il catalogo generalmente è molto tecnico e per questo non è destinato al grande pubblico. Viene usato dai commerciali, dai rivenditori e in generale da una clientela che ha bisogno di effettuare ordini sulla base di informazioni e specifiche tecniche ben definite.

GRAPHIC STUDIO WEB SOLUTIONS

POSSIAMO FAR CRESCERE LA TUA AZIENDA

Contattaci

Privacy Policy

Acconsento al trattamento dei dati